FERRARA e gli ESTE

 

Entrata nel patrimonio della Chiesa per le donazioni di Pipino e di Carlo Magno, dapprima feudo degli Attoni poi di Matilde di Canossa, Ferrara ottenne gradatamente la libertà comunale, legando il proprio destino a quello della famiglia degli Este, signori della città a partire dal 1209.
Trasformata in Ducato da Borso d'Este nel 1471, la città visse grande splendore fino al 1598, quando, traendo pretesto dai discutibili titoli di legittimità di Cesare d'Este, papa Clemente VIII riuscì a ricongiungere la città allo Stato Pontificio.
Il periodo successivo a quella data fu nel complesso di grande decadenza: passata con Napoleone al dipartimento del Basso Po, Ferrara tornò con la Restaurazione sotto papa Pio VII, divenendo infine parte del Regno d'Italia nel 1859.

 

  Signori Periodo
     
  AZZO VI o I 1209 - 1212
  ALDOBRANDINO I 1212 - 1215
  AZZO VII o II Novello 1215 - 1222
  Torbìdi 1222 - 1240
  AZZO VII o II Novello (2^ reggenza) 1240 - 1264
  OBIZZO I o II 1264 - 1293
  AZZO VIII o III 1293 - 1308
  ALDOBRANDINO II 1308 - 1326
  FRESCO 1308 - 1309
  OBIZZO II o III 1317 - 1352
  RINALDO 1317
  NICCOLO' I 1317 - 1335
  ALDOBRANDINO III 1335 - 1361
  NICCOLO' II 1361 - 1388
  ALBERTO V 1361 - 1393
  NICCOLO' III 1393 - 1441
  LEONELLO 1441 - 1450
  BORSO 1450 - 1471
  ERCOLE I 1471 - 1505
  ALFONSO I 1505 - 1534
  ERCOLE II 1534 - 1559
  ALFONSO II 1559 - 1597
  CESARE 1597 - 1598
     

Dal 1598 FERRARA è annessa allo Stato Pontificio.